Cosa fare a San Lorenzo Bellizzi

Non sapete ancora cosa fare quest’estate?
Beh potreste passare qualche giorno a San Lorenzo Bellizzi, un piccolo comune nella provincia di Cosenza, nella Calabria più bella e selvaggia!

San Lorenzo Bellizzi: un posto da scoprire

San Lorenzo Bellizzi è un piccolo comune, situato nel Parco nazionale del Pollino.

Gli abitanti di questo bellissimo paese vivono principalmente di agricoltura.
La loro vita va avanti grazie all’allevamento di bestiame e grazie ai mestieri artigianali.

Potresti meravigliarvi nel contemplare la Riserva naturale Gole del Raganello, un’area protetta dallo Stato italiano, caratterizzato dai massicci costoni del canyon del Raganello, diviso in due gole, le Gole Alte del Raganello, più aspre e irregolari, ma amate dai turisti e dagli escursionisti per il loro aspetto caratteristico, e le Gole Basse del Raganello, molto simili d’aspetto a quelle alte, ma difficili da percorrere.

Qui puoi ammirare rocce meravigliose, che assumono colori disparati e che sono state levigate lentamente dal fiume.

Poi, puoi camminare fino alla Sorgente della Lamia, e poi raggiungere il centro abitato di Civita, dove, vicino alle sue mura, si erge il bellissimo Ponte del Diavolo.

Mentre cammini, puoi seguire il corso del Raganello, un bellissimo torrente che, giungendo Civita diventa più contenuto e scorre lento fino alla sua foce.

Oppure puoi visitare le timpe di San Lorenzo Cassano e quelle della Falconara.

Il Parco Nazionale del Pollino

Il Parco Nazionale del Pollino si trova tra le province di Cosenza, di Potenza e di Matera, in Basilicata, ed è l’area protetta più grande d’Italia.

Questa riserva deve il suo nome al massiccio montuoso che lo costeggia, il monte Pollino appunto. Il parco è bellissimo, e qui si può vedere il più vecchio albero d’Europa, e che è l’unico esemplare al mondo: si tratta di un pino che ha più di 1000 anni.

Immerso nella natura, puoi allungare lo sguardo verso il mare e vedere sia le coste del mar Tirreno, in particolare il magnifico mare di Maratea, la costa di Praia a Mare e il Belvedere Marittimo, e ad oriente le coste del mar Ionio, in particolare la costa che va da Sibari fino a Metaponto.

Di notte potrai guardare le stelle sotto uno dei suoi Abeti bianco o tra le foglie dei Faggi, e se sei fortunato, puoi anche incontrare qualche animale selvaggio, non difficile da incontrare in questa parte incontaminata dell’Italia.

Nei cieli puoi vedere volare l’Aquila reale o il magnifico il Picchio nero, il Nibbio reale, il Gufo reale e di notte il Gufo comune.

In questo parco è presente anche il Lupo appenninico, ma anche il Gatto selvatico e dei graziosissimi caprioli. Inoltre, camminando non è raro vedere passare qualche scoiattolo, qualche volpe o i tanto temuti cinghiali.